X

Gruppo Mediocredito Centrale

In considerazione della imminente scadenza (termine ultimo 30 giugno p.v.) delle misure previste dall’art. 13 “Fondo centrale di garanzia PMI”, comma 1), lettera e del c.d. Decreto Liquidità, e delle tempistiche necessarie per le valutazioni e relative attività da parte della Banca, si informa che sarà possibile presentare le richieste sullo strumento in oggetto esclusivamente sino alla data di venerdì 10 giugno 2022.

Torna indietro

Rinegoziazione del Debito

Covid-19-Aziende
BPB_Banner_RINEGOZIAZIONE
icrona-contanti

Finanziamento chirografario destinato alla rimodulazione dell’assetto creditizio ed alla concessione di ulteriore liquidità

In linea con le disposizioni normative previste dal Decreto Legge 8 Aprile 2020 n. 23 (cd. Decreto Liquidità), come convertito - con modificazioni - nella Legge del 5 giugno 2020 n.40, e alla luce di tutte le successive modifiche ed integrazioni intervenute (anche alla luce della Legge 30 dicembre 2021 n. 234 - Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024), la Banca Popolare di Bari offre la possibilità alla propria clientela di rinegoziare e consolidare il debito in essere verso la Banca, attraverso erogazione di nuova finanza assistita da garanzia pubblica (Fondo centrale di Garanzia) con credito aggiuntivo pari ad almeno il 25% del debito residuo.

 

La garanzia del Fondo Centrale, con copertura all’80% del rifinanziamento effettuato, è concessa a titolo gratuito sino al 31.03.2022, senza alcuna commissione per il rilascio.

icrona-interrogativo

A chi si rivolge

L’iniziativa è riservata alla Imprese e ai professionisti in possesso di posizioni debitorie preesistenti (fermo restando i requisiti di ammissibilità alla garanzia del Fondo Centrale sulla base del Decreto Legge 8 aprile 2020, n. 23, come convertito con modificazione dalla Legge 5 giugno 2020 n. 40).

 

 

Si informa che, in applicazione di quanto disposto dall’articolo 78, comma 2-quinquies, del Decreto-Legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, Mediocredito Centrale ha comunicato l’estensione, a partire dal 20 luglio 2020, senza alcuna limitazione, per i finanziamenti di durata sino a 72 mesi, dell’intervento del Fondo ai soggetti beneficiari che svolgono una delle attività economiche rientranti nella sezione "A – Agricoltura, silvicoltura e pesca".

icona-porta-ingresso

Come fare per accedere al sostegno

Le aziende che intendono accedere alla misura devono presentare alla banca una specifica comunicazione, da inoltrare tramite mail al Gestore, Consulente o alla Filiale di riferimento (clicca qui per l'elenco delle filiali), tramite Posta Elettronica Certificata o posta elettronica ordinaria, corredata da:

 

  1. Modulo di richiesta del finanziamento (in corso di aggiornamento).

  2. Documento di riconoscimento del legale rappresentante o del soggetto beneficiario in corso di validità;

  3. Ultimi 2 modelli Unico;

  4. Ultimi 2 bilanci esercizio.

icona-modulistica

Modulistica

icona-warning

L’erogazione del finanziamento assistito dalla garanzia del Fondo è subordinata alla verifica formale del possesso dei requisiti previsti dalla normativa e all’acquisizione della conferma della ammissibilità alla garanzia da parte del Fondo stesso.

Resta ferma l’autonoma discrezionalità decisionale della Banca in merito alla concessione del finanziamento.

L’erogazione dei finanziamenti è prevista fino ad esaurimento del limite di un budget che la Banca ha destinato all’ iniziativa.

icona-informazioni

Fogli Informativi

 

Per ogni altra informazione si rimanda al Foglio Informativo "Finanziamento Fondo Garanzia PMI L. n. 662/96"